In evidenza

Lizzano in Belvedere: un meraviglioso weekend di neve e coccole

La stagione invernale porta con sé la neve, magica, divertente, capace di creare un’atmosfera davvero unica.

Per i bambini è un vero e proprio spasso, mentre per i piu grandi è l’occasione per tornare indietro nel tempo e godere della bellezza che i cristalli bianchi sono in grado di regalare.

Amo la neve: soprattutto di lei mi piace che lo sa di essere bellissima. Fa scendere quei suoi candidi fiocchi piano piano e li puoi seguire con lo sguardo fino a quando non si posano.

La neve possiede cinque caratteristiche principali.

È bianca. Dunque è una poesia. Una poesia di una grande purezza.

Congela la natura e la protegge. Dunque è una vernice. La più delicata vernice dell’inverno.

Si trasforma continuamente. Dunque è una calligrafia. Ci sono diecimila modi per scrivere la parola neve.

È sdrucciolevole. Dunque è una danza. Sulla neve ogni uomo può credersi funambolo.

Si muta in acqua. Dunque è una musica. In primavera trasforma fiumi e torrenti in sinfonie di note bianche.

(Maxence Fermine)

In compagnia di Mrs Snow ho trascorso un bellissimo weekend con @Igersbologna grazie all’invito di Bologna Wellcome che ha organizzato per noi un programma ricco di attività sia sulle piste da sci sia fuori alla scoperta dell’Appennino bolognese.

Partenza alle ore 7 dalla stazione di Bologna e dopo solo 2 ore eravamo già, chi a sciare, chi a ciaspolare, nella natura del Corno alle Scale, con pazienti e gentilissime guide locali che, fedelmente al nostro fianco, ci hanno accompagnato nelle varie attività.

Per la prima volta, lasciato il tacco 12 a casa, ho indossato le ciaspole, e dopo i primi momenti di incertezza la passeggiata sulla neve fresca si è rivelata davvero sensazionale. Unaciaspolatacon le racchette da neve è un modo unico per esplorare, e fotografare in totale sicurezza tutto il bello delle montagne imbiancate.

Le ciaspole, per chi non ama sciare, sono l’alleato ideale per escursioni invernali adatte a tutti, dove divertimento e relax si uniscono in un fascino irresistibile.

Pausa pranzo ristoratrice in baita presso il rifugio Le Malghe

Raggiungibile a piedi, con le ciaspole, gli sci o gli impianti di risalita. La baita si trova lungo il sentiero 329 in direzione del Lago Scaffaiolo, offrendo una vista mozzafiato sul crinale del Corno alle Scale

Una passeggiata a Vidiciatico

Vidiciatico è il secondo centro del comune di Lizzano in Belvedere, posto lungo la strada che conduce al Corno alle Scale, e soprattutto è il luogo che ci ha ospitato per il nostro weekend sulla neve.

Non poteva mancare l’omaggio al campione di sempre Alberto Tomba!

Dove dormire

Hotel Montegrande, ambienteaccogliente e personale disponibile e cordiale

La vista dall’Hotel

Dove mangiare

Bike Hotel e B&B Ritorante Vidi

Ottimo cibo e staff gentilissimo

Deliziosa la collezione di pentolini per la Raclette

https://m.facebook.com/ristorantevidi

Abbi buona cura del tuo corpo, è l’unico posto in cui devi vivere.
(Jim Rohn)

Dopo una giornata dedicata allo sport invernale non c’è nulla di meglio di un bel massaggio e qualche ora di relax in un centro benessere.

Dove?

Nel centro benessere dell‘hotel Miravalle 2000 a Lizzano in Belvedere in cui sauna, bagno turco, docce emozionali erano a nostra completa disposizione.

E dulcis in fundu un massaggio personalizzato: un vero toccasana!!

Un giro a Ca’Gabrielli

Il weekend si conclude in bellezza con la visita all’incantevole Ca’ Gabrielli, un piccolo Borgo del ‘600, costruito tutto in sasso a vista e legno, immerso nel Parco Regionale del Corno alle Scale, non troppo lontano dagli impianti di risalita.

Qui si trova l’Agriturismo Ca’ Gabrielli, dove il sapore della tradizione culinaria locale si sposa ad una eccezionale ospitalità.

Ma Ca’ Gabrielli non è solo mangiar bene , dispone infatti di appartamenti ben arredati dove è possibile soggiornare. C’è anche un maneggio, un orto e parco giochi per i più piccini.

Tra quelle pareti in pietra ci abbiamo davvero lasciato il cuore.

Troverai di più nei boschi che nei libri. Gli alberi e le pietre ti insegneranno ciò che non si può imparare da maestri.
(San Bernardo)

Vi lascio il link per maggiori informazioni

http://www.agriturismo-cagabrielli.it/

E tu sei mai stato al Corno alle Scale?

Raccontami nei commenti la tua esperienza e puoi vedere altre foto su Instagram seguendo l’account @toochiclaura, @igersbologna, e l’hashtag #AppenninoBO

Annunci
In evidenza

Hoppipolla box – la cultura indipendente in scatola

Un momento di gioia ci prende sempre di sorpresa. Non siamo noi ad afferrarlo, ma è lui ad afferrare noi.

(Ashley Montagu)

Non c’ė nulla di più magico dello stupore, della sorpresa che provi quando suona il citofono ed è il tuo fedele corriere che ti dice: C’è un pacco per Te!

Ed ecco che il momento di gioia viene ad afferrarti  per l’appuntamento mensile con la tua Hoppípolla box.

Hoppípolla dall’ islandese può essere tradotto Saltando nelle pozzanghere, un’espressione che solo pronunciandola dona allegria, spensieratezza, la stessa spensieratezza richiamata dalla canzone della band islandese Sigur Rós

https://youtu.be/FyH8x9nsYMw

Cosa è Hoppípolla box e come funziona?

Ogni mese una sorpresa per posta, una scatola con prodotti di cultura indipendente appositamente selezionati per scoprire nuovi creativi.

Ma non solo, anche suggerimenti musicali, un prodotto illustrato e sempre una piccola sorpresa.

L’abbonamento può essere mensile, trimestrale o semestrale e addirittura può essere regalato .

Cosa c’è nella box di Gennaio?

  • Un oggetto di design realizzato a mano in Danimarca: i fantasmi in ceramica di Arhoj talismani portafortuna,o semplici decorazioni. Ogni creazione è un pezzo unico, realizzato a mano nel laboratorio di Copenaghen!!

  • Un progetto di editoria indipendente:E così conoscerai l’universo e gli dei, una graphic nouvel del canadese Jesse jacobs, che narra il mito della creazione tra divinita tra geometrie ed atmosfere psichedeliche
  • Un progetto di illustrazione, una spilla saltata creata da Fatomale
  • Ogni mese una piccola sorpresa. Questo mese e la volta dell’illustrazione del famoso Alessandro Pautasso
  • La playlist del mese per chi ha Spotify

Nella #box13 una limited edition

il volume Elogio della Gentilezza di George Saunders, una guida preziosa alla cura dell’egoismo grazie ad una dose abbondante di gentilezza

Se anche tu aspetti ogni mese la tua Hoppípolla condividi la tua esperienza

Se sei curioso ti lascio qui il link al sito

https://hoppipolla.it/

In evidenza

Weekend sul lago di Como in inverno

Quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non interrotte di monti, tutto a seni e a golfi, a seconda dello sporgere e del rientrare di quelli, vien, quasi a un tratto, a ristringersi, e a prender corso e figura di fiume, tra un promontorio a destra, e un’ampia costiera dall’altra parte; e il ponte, che ivi congiunge le due rive, par che renda ancor più sensibile all’occhio questa trasformazione, e segni il punto in cui il lago cessa, e l’Adda rincomincia, per ripigliar poi nome di lago dove le rive, allontanandosi di nuovo, lascian l’acqua distendersi e rallentarsi in nuovi golfi e in nuovi seni.

Arrivare  ed assistere allo straordinario spettacolo del Lago di Como, non può non trasportarti idealmente tra le pagine di quel Libro che tra i banchi di scuola ti faceva sognare e ricordarne l’incipit.

Potrebbero sembrare banale ma, passeggiando  e guardando  quello specchio d’acqua,  pareva di assistere alle  disavventure che in nome dell’amore Renzo e Lucia in tempi lontani avevan dovuto superare.

In un attimo il lago si era tramutato in un palcoscenico e noi  in spettatori incantati alla riedizione dei “Promessi Sposi”.

Ed è lì tra quelle sponde che quest’anno abbiamo deciso di trascorrere il Capodanno, una meta insolita scelta oltre che per la posizione tattica, essendo non troppo distante dalla nostra città Bologna, e la sua nota bellezza,  per la presenza del Magic light Festival, uno scenografico e suggestivo festival di proiezioni architetturali.

Raggiunta ormai la XXIV edizione di Como Città dei Balocchi, quest’anno come  fil rouge delle iniziative è stata scelta la Stella. Lo scintillio delle stelle rappresenta da sempre una fonte di ispirazione per filosofi, poeti, scrittori e persino musicisti: Omero citava le Pleiadi, Arato narrava i miti legati alle costellazioni. Leopardi citava le vaghe stelle dell’Orsa.

Grazie al Magic light festival Como si è ricoperta di stelle ed animato piazze e vie della Città illuminate a festa con Mercatini di Natale, una pista di pattinaggio sul ghiaccio in riva al lago.

Como è una graziosa città a misura d’uomo, che il turista che non ha molto tempo a disposizione può visitare tranquillamente a piedi.

Ecco l’elenco delle cose assolutamente da fare e vedere.

Cosa fare e vedere a Como in 3 giorni

  1. Il Duomo di Como,  un edificio complesso che si connota per la compresenza di stili diversi: la facciata è gotica, mentre le fiancate ed i portali laterali sono rinascimentali. Ma nonostante tale commistione viene preservata la sua unitarietà e nel complesso risulta armonioso. Iniziato nel 1396 e completato nel 1740 con l’elevazione della cupola di Filippo Juvara, l’architetto del re di Sardegna.  L’imponente facciata decorata con guglie e pinnacoli è ricca di decorazioni scultoree. Una curiosità: uno dei portali viene detto “della Rana” per via di una rana raffigurata che saltando fuori da uno stagno si arrampica sul fogliame cercando di sorprendere una farfalla.L’interno è in stile gotico,  diviso in tre navate divise da 10 pilastri e conserva numerose opere di notevole importanza. Tra cui: tele di Bernardino Luini (Adorazione dei Magi) e Gaudenzio Ferrari (Sposalizio della Vergine e Fuga in Egitto), arazzi rinascimentali (alcuni su disegni di Giuseppe Arcimboldi), la pala cinquecentesca di Sant’Abbondio, protettore della città, il tempietto battesimale del 1590 e i due leoni stilofori romanici provenienti dall’antica chiesa di Santa Maria.
  2. Broletto, l’antico palazzo comunale il cui termine deriva dal latino “brolo”, ossia campo, spazio all’aperto in cui si riunivano i cittadini e quindi il luogo preposto allo svolgimento delle assemblee cittadine. Costruito nel 1215 per volontà del podestà Bonardo da Cadazzo accanto alla Cattedrale, come metafora della continuità tra autorità civile del vescovo e il nuovo potere comunale. Il palazzo è costituito da un corpo a due livelli (pianterreno ad arcate e primo piano ornato da trifore) a fasce marmoree bianche, grigie e rosse . Nel corso del tempo il palazzo in cui vi si tenevano le assemblee dei cittadini e vi si amministrava la giustizia, ha subito molte modifiche e rimaneggiamenti. Nella seconda metà del ‘400 una buona parte dell’edificio venne demolita per lasciare più spazio al Duomo ; nel 1764 fu trasformato in teatro; in seguito fu utilizzato come archivio notarile fino alla fine dell’800.  Attualmente il palazzo del Broletto, di proprietà comunale, è sede di mostre d’arte e congressi.
  3. La Pinacoteca, dove sono raccolte opere d’arte dal territorio comasco suddivise nelle sezioni: Medioevo, Rinascimento, la quadreria storica ed il Novecento. Inoltre ho avuto il piacere di visitare la mostra temporanea : Black Light Art con protagonista  la luce intesa come mezzo espressivo in grado di colorare il buio, coinvolgendo lo spettatore in una innovativa esperienza sensoriale, dove cicli dinamici di luce bianca, luce nera e buio trasformano gli ambienti, permettendo alle opere esposte di vestirsi di colori e forme.
  4. Tempio Voltiano, sotto forma di un tempio neoclassico posizionato  sul Lungolago per celebrare la figura e l’opera del grande fisico comasco Alessandro Volta
  5. Teatro Sociale, il teatro dell’opera di Como edificato per volontà della Società dei Palchettisti del Teatro di Como ed inaugurato il 28 agosto 1813 con la rappresentazione di “Adriano in Siria”. Una carrellata dei monumenti illuminati dalle stelle del Magic Light Festivalpasseggiare in Piazza Volta e tornare bambini con le musiche del carosello
  6. Gita a Brunate in Funicolare. Inaugurata nel 1894, la funicolare che collega  Como con Brunate unendo lago e  montagna, restituiendo agli occhi del turista una meravigliosa vista dall’alto su Como ed il suo lago. La salita ha inizio  in una galleria e prosegue poi all’esterno dove le due piccole carrozze si arrampicano su una ripida pendice collinare. Brunate viene denominata la “terrazza” sulle Alpi per i suoi incantevoli punti panoramici su Como, tutto il ramo del lago, la pianura lombarda, le Alpi con il Monviso e il Monte Rosa. Unica nel suo genere in Europa, è tra le attrazioni più famose di Como. Anche se dura davvero pochi minuti, il “viaggio” in funicolare è entusiasmante. assolutamente da non perdere! Inoltre se si è fortunati, è possibile assistere ad un vero e proprio spettacolo  della natura: in giorni n cui a Como c’è molta nebbia puoi assistere al  surreale paesaggio del mare di nebbia,  nuvole basse che formano un mare illuminato dal sole in quota! emozionante a dir poco!

 «…andare e tornare da Brunate, salire e scendere in giornata, in barba alla funicolare, è sempre stata la più tipica delle scampagnate…»

Antonio Sant’Elia

A spasso tra le ville Liberty

La Chiesa di Sant’Andrea

Dove mangiare a Brunate

Trattoria Tipica del Cacciatore, ambiente delizioso dall’atmosfera di una baita di montagna

Dove mangiare a Como

Ristorante Al Cucchi : un ambiente raffinato ed elegante, personale davvero gentile. Noi l’abbiamo scelto per la cena del 31 Dicembre: ottima cena a base di pesce con buon rapporto qualità/prezzo.

Per un pasto veloce invece consiglierei l’Innominato, ambiente informale ed accogliente

Per informazioni utili sulla città di Como

http://www.visitcomo.eu/it/

Se sei stato a Como condividi pure la tua esperienza!

Inoltre non perderti la seconda puntata del post sul mio weekend al lago di Como… ti porterò in un luogo davvero imperdibile.

Enjoy!

 

In evidenza

Vacanza a Rodi on the road 

Il viaggio è una porta attraverso la quale si esce dalla realtà nota e si entra in un’altra realtà inesplorata, che somiglia al sogno.

(Guy de Maupassant)

Fuori dalla finestra sui tetti la prima neve della stagione, l’aria è pungente, il piumino ha fatto posto al trench ed è di colpo inverno.
Non ero ancora pronta, le temperature miti di questi giorni non mi dispiacevano affatto. A scaldarmi un po’ i dolci ricordi dell’estate.

Ecco che con la mente volo magicamente verso l’Isola di Rodi.

Narra un vecchio mito che l’isola di Rodi nacque dall’amore di Elio, il dio del Sole, e della ninfa Rodo, figlia di Poseidone. Per questo la leggenda dice che per  tanti secoli Apollo il Dio Sole abbia scelto come casa Rodi,  ed è per questo che sull’ isola ci sono ben 300 giorni di bel tempo all’anno.

Ma la bellezza di Rodi non è dovuta solo al bel tempo….. è un’ isola magica, in cui è possibile rivivere la storia millenaria dell’antica Grecia, passeggiando tra le mura della città antica, o cambiare spiaggia e panorama ogni giorno.

Rodi è l’isola dalle insenature romantiche, da cui poter ammirare il tramonto con un drink in mano, ma anche  l’isola dei tanti negozi di artigianato in cui poter dare libero sfogo allo shopping.

Rodi è stata la meta che abbiamo scelto per le nostre vacanze estive, un viaggio on the road. Passaporto, guida Marcopolo alla mano e siamo andati  alla scoperta di un’isola meravigliosa, a tratti inaspettata.

DA NON PERDERE …

  • La città di Rodi e la città medievale  uno degli scampoli medievali più intatti d’Europa dove imperativo categorico è  lasciarsi trasportare dall’atmosfera dei vicoli e perdersi nell’intricato intreccio delle stradine. Atmosfere indimenticabili, d’altri tempi. Come il Palazzo del Gran Maestro nella via dei Cavalieri.

La città vecchia vista dal mare è una meraviglia:torrioni, cupole, minareti che fanno capolino dalle mura. Un connubio architettonico tra edifici cristiani e islamici.
Il porto di Mandraki dove potersi godere  una piacevole colazione o anche un semplicissimo caffè alla greca ammirando tutta la zona turistica.

Mandraki significa “piccolo addiaccio”… in effetti la sua forma ricorda proprio una sorta di riparo, di recinto tutto attorno alle navi.
Ed è proprio vicino al porto che il famoso Colosso di Rodi, la statua bronzea di 31 metri si pensa fosse collocato. Nel 653 d.C. venne venduta dall’arabo Moavias ad un mercante che la fece a pezzi per trasportarla in Oriente in groppa a dei cammelli. Oggi al posto del Colosso il turista e accolto dalla statua del Cervo e della Cerva posti su due alte colonne.

Il porto di Mandraki è uno dei più bei e trafficati porti della Grecia, come la sua Paralia, lungomare ideale per una passeggiata al tramonto, quando le luci fanno risaltare le facciate degli edifici neogotici come il palazzo del Governatore (oggi prefettura), architetture quasi moresche, come la cupola felliniana dei bagni Elli, o littorie come il Teatro nazionale del 1937.

Nea Agorà, l’ antico mercato del pesce oggi punto di ritrovo dei rodiesi.

Il Monte Smith  dove poter ammirare Rodi con i suoi contrasti, contraddizioni urbanistiche, nonché poter visitare l’acropoli. Purtroppo non è rimasto molto dei suoi templi.

  • La cittadina bianca di Lindos, storico borgo di marinai, una cascata di case bianche sovrastato da una rocca dove si trovano i resti dell’Acropoli e del Tempio dorico di Athena che risalgono presumibilmente al 300 a.C. Per arrivarci si devono salire ben 300 gradini, ma giunti a destinazione la fatica vale assolutamente la pena. Lo spettacolo della valle dei templi rodiese ed il paesaggio attorno e pura meraviglia.

Le spiagge più belle 

Anthony Quinn bay sabbia e scogli vinti da una rigogliosa vegetazione in una baia dalle acque color smeraldo 

Ladikou bellissima baia di sabbia e rocce

Kallithea terme 



Protetta da rocce e pietre che giungono fino al mare turchese, la spiaggia di Kalitea si trova a 10 km dalla città di Rodi. E’ famosa perché qui un tempo era in funzione un sistema di sorgenti di acque termali calde, testimoniata dalla meravigliosa architettura delle Terme ancora oggi visitabile

Agathi  beach e la Golden beach, sabbia color oro, acqua cristallina attrezzata sembra un paradiso terrestre 


Prassonissi un istmo di sabbia avvolto nel vento pu to di incontro tra i due mari Egeo e Mediterraneo.


Se sei curioso di scoprire di più di questa isola magica, non perdere i prossimi post su Rodi

In evidenza

La Pilotta di Parma – una domenica al museo con Igersparma

E come tutti gli anni arriva puntuale l’appuntamento con il World Wide Instameet, l’invito di Instagram rivolto a tutti gli  instagrammers del globo di darsi appuntamento in un luogo fotogenico, per scattare foto e condividerle, utilizzando gli hashtag dedicati.

All’appuntamento non poteva naturalmente mancare la community di IgersParma che ha scelto come location dell’evento il Palazzo della Pilotta, meglio nota come La  Pilotta una delle attrazioni della città ducale da non perdere assolutamente.

E così lo scorso 10 settembre, un nutrito gruppo di igers , nonostante le nuvole cariche di pioggia, si è riunito per condividere una irripetibile esperienza, e raccontare a suon di post questo affascinante complesso museale.

GLAA6232

A due passi dal Teatro Regio e dalla Stazione ferroviaria, tra Piazzale della Pace ed il LungoParma, con il bel prato antistante, la Pilotta appare come un giardino nel mezzo della città: fuori una varia e vivace umanità a tutte le ore, all’interno alcuni dei gioielli più preziosi della “petite capitale“, tanto cara a Stendhal e a Maria Luigia.

La Pilotta si presenta come un imponente palazzo,  simbolo del potere ducale dell’illustre famiglia Farnese, ed è  oggi un Complesso Monumentale unico nel suo genere, che racchiude la Galleria Nazionale, il Teatro Farnese, il Museo archeologico  e la Biblioteca Palatina.

 

Un po’ di storia…

La nascita del Palazzo della Pilotta  è legata indissolubilmente ai fasti  della signorile famiglia Farnese, tra cui Ranuccio Farnese che nel XVI secolo, inglobando la chiesa di San  Pietro Martire decise di fare di questo edificio un grande “contenitore di servizi”, la chiesa, le stalle, i fienili, la caserma, e soprattutto il Teatro Farnese.

Con la fine della famiglia Farnese ha avuto fine anche lo sfarzo di questo grandioso edificio , e solo con Filippo I di Borbone si ha una parziale rinascita continuata fino ai nostri giorni.

Il complesso monumentale deve il suo nome al gioco della pelota basca, che veniva praticato dai soldati spagnoli nel cortile del “Guazzatoio“, originariamente detto appunto della pelota.

L’instameet inizia dallo scalone a doppia rampa, esempio della magnificienza dei Farnese, per proseguire con la visita della Galleria Nazionale e del Teatro.

Purtroppo la Biblioteca palatina (del 1800) è chiusa e non si può visitare, ma se vi capita di trovarla aperta un’occhiata vale davvero la pena darla!

KCBS2807

La Galleria Nazionale
Situata al secondo piano del Palazzo, istituita dai Duchi di Parma, Don Filippo e Don Ferdinando di Borbone, venne arricchita grazie agli acquisti effettuati da Maria Luigia d’Austria, creando così una importante collezione di quadreria.

Le collezioni della Galleria Nazionale comprendono  opere dal XIII al XIX secolo di diverse scuole e maestri, dando vita ad un excursus artistico che copre quasi interamente gli stili e le epoche della storia della pittura italiana.

E’ possibile trovare quadri di Correggio e Parmigianino, del Tintoretto, dei Carracci e del Guercino, fino ad arrivare a Tiepolo e Canaletto. Inoltre sono custodite all’interno della pinacoteca opere molto particolari come la Testa di Fanciulla, detta Scapigliata, attribuita a Leonardo da Vinci,   la Madonna di San Gerolamo di Correggio, la bellissima Schiava turca di Parmigianino e la statua di Maria Luigia di Antonio Canova.


 

Il Teatro Farnese
Al primo piano della Pilotta un imponente portale ligneo dipinto a finto marmo, introduce alla meraviglia del Teatro Farnese, uno dei più grandi teatri seicenteschi d’Europa.

Costruito in brevissimo tempo, utilizzando materiali leggeri come il legno e lo stucco dipinti, il Farnese fu quasi del tutto distrutto dalle bombe del 1944 e ricostruito in epoca moderna, ma conserva ancor oggi il ricordo della fastosa vita di corte dei Duchi Farnese.
Anche la nascita del Teatro è legata alla figura di Ranuccio I Farnese nel 1618, che lo volle per festeggiare la sosta a Parma di Cosimo II de’ Medici. Anche se il Teatro fu utilizzato pochissime volte,  rimangono  gli ambienti e i volumi di una spettacolare opera architettonica.

Museo Archeologico Nazionale
Fondato nel 1760 col nome di “Ducale museo d’antichità” da Filippo di Borbone, in concomitanza con l’avvio delle esplorazioni del sito archeologico di Veleia, rimase per molto tempo l’unico esempio di museo nato a seguito ad una scoperta archeologica. Il Museo espone reperti egizi (sarcofagi, vasi canopi, papiri funerari, amuleti, scarabei), e sculture di età romana, ceramiche greche, italiche ed etrusche, urnette, specchi e bronzetti etruschi, oltre che le opere degli scavi Veleia, tra cui 12 statue in marmo della famiglia imperiale.

MZPW9549

Vale la visita…

Tra le sale della galleria una piccola stanza delle meraviglie di solito non accessibile, in cui sono custodite le opere di Amedeo Bocchi.

IZAR3218

Tra tutte a colpirmi di più Il trittico delle tre sorelle: La Saggia, La Colta e La Folle. di evidente ispirazione liberty , che  ricorda i ritratti femminili di  Gustav Klimt,

Ciò che colpisce perdendosi nei ritratti di donna è la dimensione domestica, familiare, intimistica, ed al contempo dotata di elegante sensibilità che si percepisce sia nei colori tenui utilizzati sia  nella gestualità.

Inoltre  durante la visita gli igers e solo gli igers hanno potuto, in via esclusiva percorrere la discesa della Cavallerizza solitamente inacessibile al pubblico.

E dulcis in fundu, passando attraversando il cortile detto  “Guazzatoio”  ci è stato consentito l’accesso agli uffici solitamente inibiti al pubblico, un luogo  da cui poter godere di un meraviglioso colpo d’occhio sulla Pilotta dall’alto e sulla città di Parma.

WXRO0443

Se ti ho incuriosito e vuoi rivivere  la nostra esperienza ti basta sbirciare su instagram e cercare gli hashtag #instameetparma24 e #wwim16parma

In evidenza

Un pomeriggio a Milano in compagnia di Klimt


Temo proprio che si debba fare a meno di un mio autoritratto artistico o letterario, ma non è una grande perdita. Chi vuol sapere di piu su di me, cioè sull’artista, osservi attentamente i miei dipinti per rintracciarvi chi sono e cosa voglio.

Gustav Klimt

Nelle parole di Klimt l’essenza stessa della mostra ” non mostra” dedicata all’artista  austriaco, uno dei più significativi artisti della secessione viennese, in  scena fino al 7 Gennaio al MUDEC di Milano.

La Klimt Experience, è una vera e propria esperienza multisensoriale, che ti accompagna in un percorso narrativo in cui  attraverso immagini,  luoghi,  oggetti, musiche e personaggi che hanno contribuito a dare  vita  all’ universo pittorico, culturale e sociale in cui visse e operò l’artista.
Così, grazie a  ‘Klimt Experience’, puoi vivere un’esperienza culturale a 360 gradi: un’esperienza totalmente immersiva all’interno delle principali opere di Klimt, che con il sottofondo sonoro delle note dei valzer di Strauss o le sinfonie di Beethoven dona un’emozione unica.

Ammetto che ho ancora nelle orecchie le note di Strauss …. e la sensazione di trovarmi a Vienna a danzare un valzer.

La Mostra 

In una unica  experience room vengono proiettate su pavimento, pareti e soffitto 700 immagini che raccontano Klimt, la sua opera, la Vienna della Secessione ma anche la sua influenza sulle arti decorative e nella moda. 

Ti siedi al centro della stanza e lo spettacolo è tutto attorno a te , e ti ritrovi avvolto dai quadri klimtiani  che con una proiezione virtuale scorrono lentamente dalle pareti e sul pavimento, con l’accompagnamento della suggestiva colonna sonora che alterna brani di Strauss, Mozart, Beethoven, Bach. Le immagini si susseguono in un unico flusso onirico che ti  mostra la vita e la carriera dell’artista dagli esordi fino agli ultimi dipinti, dando vita ad un mondo simbolico, enigmatico e carico di sensualità.

Dopo un excursus multisensoriale, lo spettatore viene  riportato al gesto manuale, all’atto  creativo,  ed invitato a lasciare le sue sensazioni sul “Colouring Wall” : lasciare un segno che rapresenti l’emozione raccolta durante la visita, scegliendo il proprio  colore preferito, che sia il rosa, il rosso o il blu non importa, ciò che importa è l’impronta da lasciare  impressa li sul “muro della creativita”.

L’artista

Klimt, esponente della Secessione viennese, ha saputo  tradurre le inquietudini della sua epoca attraverso forme fantastiche, linee allungate e colori brillanti, esprimendo un senso di mistero. Al centro della sua arte un posto di primo piano è riservato alla donna, tanto da sembrare quasi un’ossesione. Le ritrae vestite o nude, in pose statiche o languide, in stati di calmo appagamento o di eccitazione. Klimt stesso ebbe svariate amanti di cui riconobbe 14 figli ma senza sposare nessuna. Per lui la donna è al contempo generatrice e distruttrice, sensuale ed inquietante.

Le opere 

Tra le opere più famose, degna di nota è “Giuditta”, simbolo della donna fatale: l’eroina biblica è ritratta a seno nudo mentre regge tra le mani la testa recisa di Oloferne, con un’espressione sul volto che sembra esprimere godimento per l’atto appena compiuto. Il corpo della donna si intreccia con arabeschi e forme geometriche su uno sfondo piatto e irreale. 

Ma il dipinto che più ho amato e che da sempre è  tra i miei preferiti è “Il Bacio”

Qui Klimt è riuscito nell’ardua impresa di fermare l’attimo, l’istante in cui i due amanti sono uniti indissolubilmente nell’estasi d’amore.

Come in una dimensione a-temporale e a-spaziale, i due amanti si intrecciano, lui volto verso di lei e lei totalmente abbandonata tra le sue braccia, avvolti in un’aura color oro che li protegge dal resto del mondo.

Sono solo loro due, il loro amore e nulla più.

Consiglierei di visitare la mostra?

Se ti piace Klimt e desideri vivere l’esperienza di entrare all’interno dell’opera la “Klimt Experience” non ti deluderà.

Se  ti va raccontami la tua di Experience. 

In evidenza

Maiorca un itinerario alla scoperta dei luoghi più suggestivi: Soller

Tra i luoghi più suggestivi di Maiorca non posso non annoverare la piccola cittadina incastonata nella Serra de Tramuntana, Soller, piccola pietra preziosa, immersa in una valle ricoperta da ulivi ed aranci.

PicsArt_08-02-09.54.42

Per anni questa piccola cittadina è rimasta isolata, per causa della Serra de Tramuntana, dalla capitale Palma di Maiorca:  addirittura, fino agli anni Trenta,  gli abitanti di Soller erano costretti ad andare a vender gli agrumi in Francia via mare!

Solo dopo la Prima Guerra Mondiale furono scavate  gallerie per  creare un collegamento via treno …. un treno che funziona ancora oggi.

Direttamente dalla Belle époque il Tren de Sollerdal 1912 attraversa la Serra de Tramuntana, collegando la capitale a Soller, mostrando ai fortunati passeggeri un paesaggio da cartolina, fatto di foreste di pini marittimi,  pianure costellate di mandorle, ulivi, agrumenti e villaggi.

Un treno antico ed un tram anch'esso dal sapore vintage sfidano ancora oggi le alture della Tramuntana, il primo,  sotto la montagna collegando Palma a Soller, il secondo, da Soller a Port de Soller e alle sue spiagge, correndo lungo i  dehors dei caffè da  Placa Constituciò.

COSA FARE IN UNA GIORNATA A SOLLER

  • Perdersi tra le sue vie, LAS CALLES, per dirlo nella lingua degli abitanti del luogo alla scoperta di scorci romantici, angoli pittoreschi da fotografare

  • Scoprire ed immortale gli elementi architettonici di stile neoclassico delle residenze eleganti, sulla Gran via  o dell' art nouveau sulla Carrer Sa Lluna.


PicsArt_08-02-09.44.11

  • Ammirare, la maestosa chiesa di San Bartolomeu, esempio di Art Nouveau, da uno dei tanti localini della piazza centrale

  • Fare un saltoindietro nel tempo entrando nella stazione de Soller dove è possibile anche visitare la mostra di Mirò e una esposizione permanente di Picasso

PicsArt_08-02-09.45.17

  • Prendere il tram vintage  per Port de Soller e fare una passeggiata sul lungomare o  distendersi a prendere il sole

PicsArt_08-02-09.52.05PicsArt_08-02-09.50.43

COSA MANGIARE

  • Assolutamente da non perdere le leccornie a base di arancia, la Ensaimada, ripiena di crema e arance locali, must della vallata e delizia della cucina maiorchina!
  • Una buona paella vista mare a Port de Soller

TooChicPlaces

Per una pausa pranzo veloce segnalo questo posticino che ho scoperto per caso, alla ricerca di angoli instagrammabili in grado di trasmettere la tipicità dei luoghi.

Qui da Es Cantò  è il colore rosso ad attirarti il rosso dell'insegna, il rosso dei peperoncini appesi ovunque come fossero amuleti portavlrtunsta, il rosso della sobrasada o del Jamon dei bocadillos.

20170709_143006

Dall'esterno da l' idea di essere una bottega di altri tempi, quelle che trovi nelle nostre città del meridione, all'interno ti stupisce: un cortile interno con tavolini e sedute per mangiare comodamente e una dimora elegante che al contempo funge da atelier di prodotti artigianali, in primis le espadrillas!

20170709_135635

 

 

 

 

In evidenza

Maiorca, un itinerario alla scoperta dei luoghi più suggestivi: Valdemossa e la nota blu di Chopin

Ai piedi del Puig des Teix sorge l’incantevole e pittoresca cittadina di Valdemossa, con case in pietra di color ocra, viuzze charmantes e decorate con vasi di fiori colorati sospesi alle pareti delle sue case.

Ma ciò che ha reso nel tempo famosa questa cittadina fu la storia d’amore tra il compositore Frederic Chopin e la celebre romanziera francese George Sand che soggiornarono qui.

Qui a Valdemossa il rumore della pioggia ha ispirato un preludio a Chopin mentre le passeggiate hanno dato vita alle pagine di George Sand.

Passeggiando tra le vie hai quasi la sensazione di riconoscere negli sguardi delle coppie che camminano a braccetto, gli sguardi del musicista e della scrittrice, sguardi colmi di passione.

 

E l’amore che ha legato Chopin a George Sand e stata passione che travolge tutti i sensi.

I due si incontrarono ad un ricevimento a Parigi nel  1838 e si narra che quella sera Chopin si mise al pianoforte, e tra gli ospiti ad ascoltare le magiche melodie c’era  lei, Aurore Dupin, nota al mondo come George Sand.

La scrittrice all’ ‘epoca  ha sei anni più di lui, è una donna sensuale e ammaliatrice,  che annovera tra le sue conquiste personaggi del calibro di Prosper Mérimée ed Alfred de Musset.

Chopin, dapprima, pare mostrare verso di lei una spontanea antipatia, ma poi nel suo diario scriverà:

 Che dicevano quegli occhi? Essa s’appoggiava al pianoforte e il suo sguardo di brace mi inondava, la mia anima aveva trovato il suo porto.

 

Di lei si dice che sentiva la nota blu… la nota  con cui Chopin soleva concludere ogni suo concerto come fosse una speciale e personale dedica a lei. L’amore tra i due divenne subito tanto forte  da divampare come fosse  un incendio.

Sul suo diario, infatti Fred scriveva:

Aurore! I tuoi baci mi bruciano come bracieri ardenti!

COSE DA NON PERDERE

La Cartuja
Una volta a Valldemossa  il turista non può non visitare La Cartuja, che è forse la principale attrazione culturale e storica.

La Cartuja è un monastero molto antico risalente al 1399 e deve il suo nome al fatto che sia stato abitato  dai monaci certosini (cartujos) che vi rimasero fino al 1835. Questa  è stata la location scelta come residenza invernale  tra il 1838 ed il 1839 da Chopin e da George Sand. In questo inverno la coppia visse a La Cartuja una storia d’amore idilliaca, di cui rimangono i ricordi nel museo ospitato oggi da questo antico monastero. Il museo conserva anche l’eredità dei certosini.

Il palazzo Rey Sancho, ex dimora reale, che fu poi la residenza temporanea dello scrittore Jovellanos, di Ruben Dario, di Miguel de Unamuno, e Eugeni D’Ors e Azorin, gli ultimi tre nel primo Novecento.

AZULEJOS

Degni di nota Los azulejos , piccole mattonelle di ceramica colorate, che narrano la vita di Santa Catalina Tomas, protettrice di Valdemossa, e che puoi trovare sulle mura delle case come segno scaramantico degli abitanti del borgo, poiché tradizione vuole che siano uno strumento capace di allontanare le disgrazie.

wp-image-1804658119

Valdemossa è anche piccoli negozi di artigianato da non farsi sfuggire per chi come me è shopping addicted

Valdemossa è come un gioiello di famiglia che ne conserva la storia, le tradizioni e ti basta tenerlo tra le mani per poterne ascoltare il racconto: leggende sulla santa protettrice, amori folli e disperati a tratti logoranti per perdersi in fantasticherie che ancor di più ti fanno amare questo luogo suggestivo.

Ma Valdemossa è anche luogo di notevole interesse paesaggistico, perché passeggiate tra le sue vie offre scorci meravigliosi sul territorio circostante.

In evidenza

Maiorca , un itinerario alla scoperta dei luoghi più suggestivi  

Le vacanze estive ancora troppo lontane, ma il desiderio  di trascorrere momenti di puro relax, all’insegna della scoperta di luoghi sconosciuti , era troppo forte.

Allora, in un attimo, che potrei dire di pura irrazionalità, con un  semplice click mi sono ritrovata con due biglietti aerei destinazione Palma di Maiorca per trascorrervi un  lungo week end.

Un gesto irrazionale che mi ha permesso di scoprire una terra inaspettata, dove puoi incontrare natura incontaminata, cittadine dal sapore antico, e spiagge selvagge.

Continua a leggere “Maiorca , un itinerario alla scoperta dei luoghi più suggestivi  “

In evidenza

#INSTAMEETPARMA23 a Compiano: un hashtag per viaggiare nel tempo

Come resistere all’invito dei community manager di IgersParma  a trascorrere una giornata all’insegna di scatti, post e hashtag in uno dei “Borghi più belli d’Italia” ?

Assolutamente impossibile … e così la scorsa domenica 2 Luglio, un nutrito gruppo di instagramers, me compresa, ha invaso le  vie del borgo di Compiano e  le stanze del suo Castello , con l’obiettivo unico di condividere la bellezza catturata attraverso l’occhio “social” dello smartphone.

Continua a leggere “#INSTAMEETPARMA23 a Compiano: un hashtag per viaggiare nel tempo”

In evidenza

In mostra i Luoghi del Cuore di Bologna…

Avresti mai pensato di trovare un cuore green nel  centro città?

Ebbene si… a Bologna può succedere anche questo: passeggiare tra le vie nel riverbero delle sue mura e lungo i portici per poi trovarsi di colpo in un’oasi verde nascosta nell’architettura urbana.

Continua a leggere “In mostra i Luoghi del Cuore di Bologna…”

Weekend sul lago di Como – alla scoperta di Bellagio la “perla” del Lago

Del nostro soggiorno a Como molti sono i momenti romantici che conservo gelosamente nella scatola dei ricordi, ma tra tutti, quello che amo di più è la gita a Bellagio, con una mini crociera lungo il lago.

Complice un sole splendente e bianche nuvole a decorare il cielo,  abbiamo deciso di visitare quella che viene definita la “PERLA” del lago.

Con la camera dell’iphone schiacciata sul finestrino dell’imbarcazione per cercare di catturare le bellezze del lago ed immortale la vista di Bellagio, il viaggio, circa 1,30 da Como, è stato tutto un susseguirsi di esclamazioni del tipo: Oh! che meraviglia !

Non appena scesi dall’imbarcazione è stato subito amore per questo luogo davvero incantevole. Nessuna esagerazione nel dire che pochi luoghi sono romantici come Bellagio: hotel di lusso, ristorantini deliziosi, ed un borgo ricco di  antiche e suggestive abitazioni.

Per godersi appieno la visita, imperativo categorico è perdersi nel saliscendi di vicoli acciottolati, alla scoperta di misteriosi angoli e panorami da fotografare, nonché variopinti negozi con prodotti di ottima qualità.

Non si fatica a comprendere perchè questo caratteristico borgo sito al punto di ramificazione del Lago di Como, sia stato eletto come location ideale per film.

Infatti fu proprio qui a Bellagio che Luchino Visconti girò una scena di Rocco e i suoi fratelli . Qui Nadia e Simone, uno dei fratelli del film, trascorrono qualche giorno di vacanza.

Ti porto in viaggio con me tramite il mio foto diario

“Le acque tranquille di un lago riflettono le bellezze che lo circondano; quando la mente è serena, la bellezza dell’io si riflette in essa”

I deliziosi vicoli …

I negozi d’artigianato

Lussuosi hotel

Un panorama da cartolina …

E #toochicplaces dove potersi ristorare dopo una bella passeggiata su e giù per i vicoli

Vale la visita la Punta Spartivento!

E tu sei mai stato a Bellagio?

Se si raccontami la tua di esperienza.

E se ti sei perso la prima puntata del mio racconto di viaggio sul Lago di Como ti lascio qui il link al post dedicato

Weekend sul Lago di Como in inverno

 

Natale a Bologna…

In sottofondo le note e le parole di Luca Carboni e Jovanotti …

O è Natale tutti i giorni

Per immergersi nell’atmosfera del Natale che pervade le vie ed i portici di Bologna tra i suoi mercatini:

Fiera di Santa Lucia

Sotto il portico della Chiesa dei Servi, l’appuntamento con il Natale bolognese e con la fiera dinSanta Lucia. Qui tra lo sfavillio delle luci ed il profumo che si sprigiona dai calderoni in cui viene preparato il croccante, tra  zenzero e zucchero filato, si susseguono bancarelle dove puoi trovare di tutto dalle decorazioni per l’albero di natale, alle statuine del presepe o tante altre sfiziosita  locali che solo la città di Bologna può creare.

Per i più piccini e possibile trovare giocattoli tanto sognati durante l’anno

Per i più grandi rappresenta l’occasione per acquistare le decorazioni natalizie, e soprattutto per cercare idde per i regali natalizi scegliendo tra pezzi originali ed artigianali di cui pullulano le bancarelle della Fiera

Fiera di Natale di via Altabella

Accanto alla cattedrale di San Pietro, il tradizionale mercatino  natalizio dove è possibile trovare, oltre ai tradizionali addobbi e agli immancabili dolciumi, tante idee regalo scegliendo tra i numerosi  articoli artigianali provenienti da tutto il mondo

Villaggio del Natale Francese

Per sentirsi in Francia, augurarsi joieux Noel ma restare a Bologna puoi fare un salto al mercatino dei francesi, dove chalet addobbati a festa e un’atmosfera che prelude alle imminenti feste natalizie ti accolgono.

Il profumo del legno si unisce ai profumi e ai sapori tradizionali d’oltralpe, con una proposta enogastronomica molto ricca di prelibatezze tutte rigorosamente di qualità e tradizione francese. Non mancano anche le proposte di oggettistica, provenienti dalla Provenza e dalla Costa Azzurra.

BilBOlBul, con @igersbologna al festival internazionale del Fumetto

 

atak_bilbolbul

… Perchè il fumetto è qualcosa che riesce a rappresentare graficamente i sogni di ognuno  

Elichiro Oda

 

 

Anche quest’anno ritorna  l’appuntamento con Bilbolbul, il Festival internazionale del fumetto che sin dal 2007 organizza  Hamelin Associazione Culturale.

“Un anno di BilBOlbul, tre giorni di festival”:questo il motto della rassegna.



e in questri 3 giorni, dal 24 al 26 novembre, un programa ricco di eventi diffusi per il centro storico coinvolgendo le location piu svariate: gallerie d’arte, atelier, studi d’architettura, addirittura negozi e pizzerie.

Centro focale dellà rassegna il fumetto, ma anche l’illustrazione, l’ animazione con l’ambizione di creare un dialogo con il pubblico attraverso le immagini.

Perché BilBOlbul?
BilBOlbul, non è la formula magica pronunciata da una fatina dotata di bacchetta magica, o il golosisssimo dessert al cioccolato,bensì il nome del   personaggio del primo comic in assoluto, creato da Attilio Mussino sulle pagine del Corriere dei Piccoli!

Le vignette narravano l’avventurosa vita di un simpatico bambino africano che si trasformava in forme e colori a seconda della metafora raccontata dal disegnatore.

Questa la selezione delle mostre che più mi sono piaciute.

Eric Lambé Apparizioni/Sparizioni

Equilibrio tra tecnica e emozione per “abitare il disegno”

Vincitore del premio Fauve d’or al Festival d’Angoulême insieme allo scrittore Philippe De Pierpont per il romanzo a fumetti “Paesaggio dopo la battaglia” (Coconino Press), Éric Lambé è il fumettista belga che ha firmato il manifesto di quest’anno. 

Paesaggio dopo la Battaglia
Magritte vu par
Magritte vu par

Jacovitti il Teatrino Perpetuo

Una battuta a bisogno del disegno, a volte può anche essere muta

Uno dei temi di BilBOlbul di quest’anno è la comicità. Occhi del festival puntati sul genio surrealista di Benito Jacovitti, di cui ricorre il ventennale della scomparsa. Una mostra con oltre un centinaio di tavole originali 


  Fabio Tonetto non ho fatto niente

Non è mia intenzione lasciare intravedere il senso della vita, almeno non lo faccio intenzionalmente 

Tonetto è il giovane ma già apprezzato autore di Rufolo (Eris, recensione): fumetto e animazione, da cui nascono le sue storie buffe, surreali e crudeli.

Lorenzo Mattotti Primi Lavori

L’immagine è  anch’essa produttrice di narrazione 

L’esposizione Primi lavori ripropone le prime opere con le loro influenze underground e il progressivo emergere del segno e delle forme che identifichiamo come lo stile maturo del disegnatore.



Stati d’animo Paolo Rinaldi

È  un libro per essere ballato, letto ad alta voce ed essere condiviso con qualcuno 

Connubio tra parole e immagini: le parole dei brevi racconti nati dalla penna di Beniamino Sidoti e le immagini di Paolo Rinaldi con i suoi collage digitali creati con le immagini provenienti dagli archivi della New York public Library e del MET di New York. Emozioni e sentimenti sono cartolinesurrealiste e moderne di luoghi lontani, astratti. Grazie al racconto le emozioni si costruiscono, si vivono, si immaginano.

Corpi Sonori di Julie  Mahon

Lo sai che puoi spaccarmi in due senza toccarmi

L’opera è  un racconto lucido ma al tempo stesso appassionato delle dinamiche dei rapporti umani tra sesso e amore.

Al cappello rosso, un delizioso hotel nel centro storico diventato oramai il carnet degli ospiti degli artisti partecipanti al BilBOlbul che lasciano il proprio segno  personalizzando la camera  con il loro estro.

Quest’anno e’ stata la volta di Bastien Contraire

I tipi di Bologna, una rassegna dei più illustri tipografi bolognesi 

E a te quali mostre sono piaciute di più?